:gianl l’apostata/2

06Set07

[Un orrido sequel ambientato nel mondo dell’oggettistica sacra da strapazzo]

Uno passandoci ora non riuscirebbe ad immaginare che nella strettissima via principale del mio paesino calabrese qualche settimana fa c’era un numero di chioschetti e bancarelle da fare invidia al bazaar di Baghdad. Mancavano solo un po’ di veli sulle teste delle pelose signore e un paio d’autobombe per rendere l’atmosfera veramente autentica.Piatto ricco mi ci ficco, insomma. E shopping fu.Così, dopo l’acquisto di un discreto quantitativo di ‘nduja, lo vidi.La profanità fatta plastica.La nuova frontiera del trash vaticaneggiante.Il frutto spurio di un incontro occasionale tra lo scettro lunare di Sailor Moon e il Vangelo.L’oggetto che dava un nuovo senso all’aggettivo impertinente, ma anche a vergognoso.Lo vendeva un marocchino a 5€, assolutamente non trattabili, batterie comprese.In finto oro, finto argento e finto bronzo, ma sempre con delle sbarazzine lucette psichedeliche.Ecco a voi, direttamente dallo STUDIO 54, il Disco Crocifisso!

 

 



3 Responses to “:gianl l’apostata/2”

  1. ommioddio
    è una bestemmia a forma di crocifisso!
    adoro questi oggetti!

  2. If you are going for finest contents like I do, just visit this website all the time because it presents quality contents, thanks


  1. 1 Back for good « :gianl

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: