Da Udine (RC)

28Dic07

Benvenuti alla maison gianl, enclave della profonda provincia calabrese in terra nebbiosamente friulana.

Ché ci sono delle tradizioni e vanno rispettate.

E così i parenti comaschi di nome, ma di fatto calabbresissimi, sono ospiti fissi della famigghia durante le festività.

E la densità abitativa dentro casa mia si sta avvicinando clamorosamente a quella degli slum di lebbrosi più affollati di Calcutta.

E io dormo su una brandina stabile come un castello di carte da Ramino grande quanto la lettiera del gatto.

E per andare in bagno bisogna aspettare dal quarto d’ora in su.

E l’unica lingua veicolare è lu calabbrisi strittu strittu.

E… insomma, tu dì qualcosa di sgradevole e io ti farò di si col testolino abbassato e penzolante.

Sono in uno stato pietoso dentro e fuori. Non sono mai stato un amante delle festività natalizie, ma questo si sapeva già, e irrorarle di posticcia simpatia parentale me le rende ancora più indigeste. Che poi…

i pranzi e le cene sono diventati banchetti nuziali e cenoni di Capodanno quotidiani, calorie a profusione, carboidrati e proteine che ballano la tarantella, adipe in eccesso che fa ciao ciao da sopra e sotto l’elastico della mutanda.

E poi le melanzane. E il buio.

Melanzane come se piovessero. Dove c’è un calabrese c’è anche un chilo di melanzane diceva un motivetto popolare prodotto dalla mia testa l’estate scorsa. E il motivetto non è stato disatteso nemmeno questa volta, ché ‘sti parenti calabri sono riusciti a scovare quintali di melanzane  da propinare a colazione, pranzo, cena e spuntino di mezzanotte pure in pieno, gelido, inverno.

I parenti possiedono qualcosa tipo la rabdomanzia, ma trovano le melanzane al posto dell’acqua.

Si, insomma, è un periodo un po’ così, un po’ pieno di difficoltà.

E al prossimo che mi porrà con simpatia il domandone cheffai a Capodanno? con annesso sorrisone riceverà come risposta una scarica di vomito auto-indotto alla fragranza di melanzana.

Io ho avvisato.



18 Responses to “Da Udine (RC)”

  1. Se c’è un periodo dell’anno in cui viene fuori prepotentemente quel qualcosa di noi che ha il sapore del sud, per noi con tali origini, è proprio questo!! Dai che sotto sotto le melanzane non ti dispiacciono poi così tanto, ce l’hai nel DNA!

  2. chiedi ai tuoi parenti qualche souvenir per la mia collezione?? anni fa mi arrivavano delle cartoline agghiaccianti da quelle parti…..!!!

  3. Io odio le melanzane. Forse è per questo che non ho molta affinità con la Calabria.

  4. tipico esempio di ospitalità calabrese?
    io non ospiterei mai nessuno a casa mia se poi dovessi dormire in branda… ma si sà noi bergamaschi non siamo così ospitali!!

    buona continuazione

  5. Allora ce lo dici o no cosa fai a capodanno? Io non so, ho la grande tentazione di assumere sostanze stupefacenti miste ad alcool e stramazzare senza sensi sul divano alle 10 di sera per riprendere conoscenza solo il 2 gennaio, che ne dici come programma?

  6. uh!stiamo vivendo la stessa situazione!parenti dall’entroterra calabrese in giro per casa (ancora un pò e mi stava venendo l’accento!) cibi e dolci tipici pesanti come non mai e soprattutto conati di vomito a sentire quella parola….capodanno…ti capisco caro gianl, tu non sai quanto!

  7. “Roma 1gennaio: giovane udinese farcisce di fuochi d’artificio e fa esplodere 20 melanzane in segno di proesta verso i parenti e il capodanno. Le folle lo acclamano; è diventato l’uomo del momento.”

  8. 8 Sara

    Bello il tuo post, divertente!
    Qui in Brianza, non si sta così tanto assieme ai parenti (soprattutto se ciò comporta il tormento di tenerseli in casa), però alcuni miei amici con origini calabresi mi narrano di interminabili giornate seduti a tavola, con il sedere che prende la forma della sedia. In bocca al lupo per la digestione!😉

  9. Io ormai rispondo che a capodanno non faccio niente. Per principio. Poi magari mi hanno pure invitato da qualche parte, però NON lo dico.
    Tiè.

  10. …ma sai che c’è chi fa le melanzane fritte con la nutella?? ….ok, ti lascio un catino per le emergenze… \_____/

  11. Tanta ma proprio tanta solidarietà!

  12. Non rinnegare le tue origini! Pentiti!

    E poi le melanzane son buone, oddio forse a colazione..

  13. che fai a capodanno?

    Comunque sia, essere senza famiglia ha molti moltissimi vantaggi.

  14. che fai a capodanno?

  15. la mia calabresità mi costringerà ad ingozzarmi di lenticchie rigorosamente prima di mezzanotte.
    ma io le amo le lenticchie.
    buon qualsiasi cosa gianl!

  16. dai che è passato. ancora quella cessa della befana e si ritorna alla pace.

    comunque, con vomito o senza, buon 2008.

  17. Oddio…le melanzane..rabbrividisco..le detesto alla grande.
    Dalle mie parti, nel begamasco, si fa lo stesso con la polenta, ma almeno quella mi piace, certo finché non arriva a colazione. Insomma ogni piatto tipico é buono a casa sua (o qualcosa del genere).

    buon anno!

  18. 18 Bouche ROUGE

    Gianl insomma ti trovo sull’orlo di una lavanda gastrica, rubicondo e incazzato…

    …buon anno pure a te


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: