Ies uì chén

18Feb08

La campagna elettorale americana si rivela come al solito appassionante e spettacolare, uno show che merita di essere seguito con attenzione.

Laggiù in Dollarandia le cose le fanno veramente per bene e tra le altre cose si sentono girare melodie pro-candidato veramente toccanti e piene di sentimento. Il Yes We Can di Obama messo in musica accarezza le orecchie e sfiora l’anima.

Robe che i politici nostrani si sognano.

Loro sono bravi e noi no. Decisamente. Niente da ribattere.

Capita però che l’inno degli obamisti venga notato da qualche empio essere in Mediaset, e da lì alla tragedia uditiva e morale il passo è brevissimo.

La vicenda è arcinota a tutte le teenagerz iper-ormonali e ai nerd come me e in soldoni è la seguente:

la professoressa Celentano, perfida come Grimilde e assetata di sangue come Nosferatu, si è ritagliata il suo spazio nella fogna televisiva demolendo sogni e speranze di poveri aspiranti ballerini nemmeno ventenni. Piano geniale e crudelmente amabile, a mio giudizio.

Frasi celebri ripetute come un mantra dalla suddetta sono: cambia lavoro!, non ce la farai mai!, non puoi!, fai shchifo!, preferisco passarmi la piastra per i capelli tra le chiappe piuttosto che guardarti!, sei l’undicesima e definitiva piaga d’Egitto!

A seguito di una delle frasi celebri lo studente medio della scuola di Bloody Mary può scegliere se piangere come un poppante o rispondere per le rime e piangere dopo l’ennesima risposta della Magnifica professoressa.

Un meccanismo perverso che funziona, fa share, quindi soldi, e distrugge la psiche dei capretti sacrificali travestiti da ballerini. Un meccanismo, per dirla breve, perfetto.

Poi, ieri, l’apostasia. Dopo aver pasteggiato con Pinot Grigio e cuore d’alunno la demoniaca Celentano viene chiamata da Bloody Mary ad assistere alla proiezione di un video con annessa esibizione disgraziata dei redivivi studenti.

Un cataclisma trash di proporzioni inarrivabili: i ragazzi belano ies ui chèn!, Garrison piange come un vitello con l’appendicite, guest stars come Gerry Scotti, Morandi, un Muccino, Totti [che afferma orgoglioso: yes, weekend!], Raul Bova, la Ferillona e via discorrendo chiamate a spalleggiare gli studenti, coreografie da far invidia alle recite della canonica e un clima di rivolta di classe che sfiora i livelli di uno sciopero dei metalmeccanici.

Si, noi possiamo ballare nonostante cosciotti e culoni, noi possiamo ballare nonostante le critiche, noi possiamo ballare perché altro non sappiamo fare. Yes, we can.

I cultori del trash come me hanno esultato, la gelida arpia ha coerentemente risposto Sognare è stupendo, ma prima o poi bisogna svegliarsi. Ho adorato.

Risultato del match: la Celentano vince di nuovo mentre Obama si rivolterebbe nella tomba se solo fosse morto.

 



16 Responses to “Ies uì chén”

  1. Io adesso te lo chiedo sinceramente, anzi, è una domanda aperta a tutti quelli che seguono Amici: ma non è un programma abissalmente PALLOSO? A casa mia a volte lo guardano, ma tempo venti minuti – a esagerare – e mi son già stufata.

  2. Io ho chiesto per la prima volta a Dio di uccidermi all’istante non appena ieri sera ho capito cosa stava consumandosi su canale5.

  3. Quello di ieri sera è stato il momento più trash della tv del 2008 e siamo solo a febbraio, sono fiduciosa per il futuro!

  4. ma io sono un teenagerz iper-ormonale o un nerd??

  5. Per fortuna non guardo la tivvù… una sola annotazione sulla grammatica: si scrive “GLIES” ui chen… scusa, sa…

  6. Stupisce (macchè stupisce! ormai non stupisce neppure un pluriomicidio in diretta con sodomia armata) il fatto della TV autunno. La tv autunno è una manifestazione stagionale. Sfiorisce e fa cadere. Non i fiori. Non le foglie. Bensì intelletto e maroni. La Mariola in Carriola sfodera figurine cellòmimanca per l’album adolescenziale. Gianl, oltrepassata una certa soglia il trash diventa come un mucchio partenopeo d’odorante protesta verso l’igiene. La Defilippa meriterebbe l’ergastolo ma ha gia Costipanzo e la comprendo, gli Amici potrebbero armarsi di badili, vanghe e zappe per gonfiare la Celainmano indi scontare 5 anni di lavori socialmente utili. Almeno fra un balletto ed un voltggio l’agro pontino sarebbe tutto arato. Prosit.

  7. io guardandolo mi sono divertita e grazie a te ho avuto la conferma di quello che ha detto Totti (credevo di aver capito male)

  8. Mannaggia la miseria! Me lo sono persa! Sto tutta la giornata davanti la tivvù e mi perdo questo momento…vado a dare delle testate nel muro!

  9. 9 Ranabottola

    Non ho resistito oltre il minuti dall’inizio del brano.

    Ma che cazzo se piagnè Gherrissson???

  10. Dio mio…O.O

  11. beh quello di obama è bellissimo…
    i nostri politici se lo sognano veramente.
    non commento quello degli amicidimaria se dico che fa pena già gli faccio un complimento…

    purtroppo non sono riuscito a vedere totti che dice ies weekend…il video si blocca dopo metà…

    Max

  12. In effetti ieri nel Wisconsin ho visto Obama un po’ turbato nonostante la vittoria😐

  13. purtroppo l’ho visto. E me ne vergogno tantissimo!

  14. yes we nerd!

    (anche io lo stavo guardando)
    (shh)

  15. 15 BoucheRouge

    io mi sento molto nerd..merd…nerd….

    Maria è il vero genio del male…io l’adoro

  16. Ma non hai citato Giggggggggi D’Alessio nel tuo post! Come hai potuto??

    ps: Qualcuni mandi il link del video a Will I Am che così almeno può denunciare la Mary e ce la leviamo di torno definitivamente!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: